Normative

Spending Review del 31 luglio 2012

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, recante disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini.

CM del 9 febbraio 2012 n. 18

Adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2012/2013 – Indicazioni operative: “i libri di testo devono essere redatti in forma mista (parte cartacea e parte in formato digitale) ovvero debbono essere interamente scaricabili da internet. Pertanto, per l’anno scolastico 2012/2013 non possono più essere adottati né mantenuti in adozione testi scolastici esclusivamente cartacei”.

DM del 12 luglio 2011

Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento.

DM 43 del 10 maggio 2011

Libri di testo a.s. 2011/2012 – Definiti i tetti di spesa, riferiti sia alla versione a stampa che a quella on line e mista, entro cui i docenti sono tenuti a mantenere il costo dell’intera dotazione libraria di ciascuna classe della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Memorandum sull’istruzione del 30 ottobre 2000

Memorandum sull’istruzione e la formazione permanente
Nella prima parte del Memorandum saranno specificati i motivi della necessità di attuare l’istruzione e la formazione permanente. Nel capitolo 2 si sostiene che la promozione di una cittadinanza attiva e la promozione dell’occupabilità sono obiettivi interdipendenti e di pari importanza dell’istruzione e della formazione permanente. Gli Stati membri sono tutti d’accordo sulla priorità di tale obiettivo, ma finora non si sono dimostrati sufficientemente pronti ad intraprendere misure concertate. Il capitolo 3 parte dal principio che l’ampiezza delle attuali mutazioni economiche e sociali impone un approccio radicalmente nuovo all’istruzione e alla formazione. L’istruzione e la formazione permanente rappresentano un concetto generico che riunisce tutti gli aspetti dell’istruzione e dell’apprendimento. La realizzazione concreta dell’istruzione e della formazione permanente esige l’effettiva collaborazione di tutti – individui e organizzazioni.

Legge dell’8 ottobre 2010 n. 170

Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. La presente legge riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento, denominati «DSA», che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali, ma possono costituire una limitazione importante per alcune attivita’ della vita quotidiana.

Direttiva Ministeriale 57 del 15 luglio 2010

Linee guida per gli istituti tecnici e professionali – Nella direttiva del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 57 del 15 luglio 2010 sono state definite le linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento, come previsto all’articolo 8, comma 3 del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 88. Le linee guida individuano gli orientamenti per sostenere gli istituti tecnici – nell’esercizio della loro autonomia organizzativa, didattica, di ricerca e sviluppo – nell’applicazione delle innovazioni ordinamentali introdotte dal regolamento di cui al d.P.R. n. 88/2010.

Indicazioni nazionali per i licei

Schema di regolamento recante “Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi liceali di cui all’articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 89, in relazione all’articolo 2, commi 1 e 3, del medesimo regolamento.”

Cerca tra le normative