I Quaderni della Ricerca #63

La Tavola Periodica delle Competenze

È uscito il Quaderno della Ricerca #63: “La Tavola Periodica delle Competenze”, a cura di Fabio Di Pietro e Stefano Lotti
Il docente che osserva competenze è una sorta di etnografo, anche se – in quanto parte del gruppo che osserva – non può non tenere conto della propria presenza nel quadro che va descrivendo.
La Tavola Periodica delle Competenze (TPC) è uno degli strumenti di questo tipo di docente, ed è il prodotto di un gruppo di lavoro composto da professori che quotidianamente lavorano in un territorio che chiamiamo scuola, aule, classi, studenti, colleghi ecc.
La Tavola Periodica delle Competenze è stata concepita come uno strumento con cui ragionare sulle competenze che si mettono in gioco in ogni azione di insegnamento e apprendimento. Infatti, come la tavola di Mendeleev aveva tentato di riassumere il mondo, così la nostra tavola si propone di riassumere la complessità dell’azione didattica. Come una mappa, la TPC offre al docente la possibilità di orientarsi rapidamente negli elementi che compongono le competenze e gli consente di intercettare gli aspetti di volta in volta richiesti. A buon diritto può essere considerata, inoltre, come un quadro sinottico di competenze da potenziare, valutare e valorizzare nel lavoro con studenti e studentesse. Perché offrire una buona struttura della conoscenza e renderla esplicita aiuta sia chi insegna sia chi apprende.
Il Quaderno offre una descrizione accurata della Tavola, con una panoramica dei framework di riferimento, e indicazioni operative tradotte in alcune unità di insegnamento/apprendimento in cui si utilizza la TPC, nel suo uso nella progettazione di percorsi di Educazione civica e in un esempio di percorso metodologico e dida-tecnologico.

 

Fabio Di Pietro è docente di lettere presso il liceo “D.A. Azuni” di Sassari. Già docente a contratto di Mediologia della letteratura e della comunicazione culturale presso l’Università “La Sapienza” di Roma, ha indirizzato i suoi interessi di ricerca principalmente verso la sociologia dei processi culturali e comunicativi, i sistemi formativi e la certificazione delle competenze. È autore di vari saggi e monografie.

Stefano Lotti è docente di lettere presso il liceo “Andrea Maffei” di Riva del Garda (Trento). Ha collaborato a vari progetti di ricerca nell’ambito della sperimentazione didattica e si occupa da tempo di formazione. I suoi interessi si orientano principalmente verso la metodologia e l’innovazione: competenze, costruzione di apparati didattici e di prove strutturate, ideazione e gestione di portali web, gestione e utilizzo avanzato di piattaforme didattiche, uso critico delle tecnologie mobili.

I curatori ci tengono a chiarire che il presente volume è il frutto di un lavoro collettivo.
Ogni sua parte, pur nelle diverse attribuzioni di capitoli e/o paragrafi a vari autori, resta espressione di uno scambio e di una collaborazione che ha visto il coinvolgimento di tutti i membri del gruppo di ideazione della TPC:

Paola Andreoli (Liceo “Andrea Maffei” – Riva del Garda (TN)
Anna Maria Bisi (Liceo “Andrea Maffei” – Riva del Garda (TN)
Fabio Di Pietro (Liceo “Domenico Alberto Atzuni” – Sassari)
Stefano Lotti (Liceo “Andrea Maffei” – Riva del Garda (TN)
Michele Ruele (Liceo “Galileo Galilei” – Trento)
Emilia Seghetti (Liceo “Enrico Fermi” – Bologna)
Marina Usala (Liceo “Stanislao Canizzaro” – Palermo)


 

Di seguito alcune delle tavole presenti nel Quaderno:

p. 28 La TPC in sigle
p. 29 La TPC spiegata
p. 30 Un elemento della TPC
p. 32 La TPC
p. 90 La TPC nella didassi
p. 100 Antimateria
p. 144 Il format
p. 195 La TPC e la formazione #1
 p. 197 La TPC e la formazione #2
p. 204 La TPC Art
p. 214 Il Mosaico della Ricerca

 

Condividi:

Contatti

Loescher Editore
Via Vittorio Amedeo II, 18 – 10121 Torino

laricerca@loescher.it
info.laricerca@loescher.it